Operazione Sciarappa: i Posteggiatori tristi in scena al Bellini

Tostato da

Tornano in teatro i Posteggiatori tristi, la piccola formazione di artisti che ha ripreso e reinterpretato con successo una antica forma di arte di strada napoletana, la posteggia. Fino al 3 marzo saranno al teatro Bellini di Napoli con il terzo episodio della fortunata serie Operazione Sciarappa.

In “Isso, essa e Karamazov” la sgangherata compagnia di attori napoletani, dopo essersi salvata dal naufragio del Titanic su cui si era imbarcata in partenza per una tournée, si ritrova nella tundra impossibilitata a tornare a casa a causa di un guasto alla Transiberiana. Qui Karamazov (Pietro Botte), la sua fidanzata Sciarlotta Sciarappa (Valentina Curatoli), figlia del ricco sponsor della compagnia, e il maestro Lapezza (Davide D’Alò) hanno messo su una malconcia compagnia e portano in scena per il pubblico russo la sceneggiata napoletana. Con loro il misterioso Ciro (Rosario Giglio) e la cameriera Ukulele (Antonella Romano) dalla dubbia nazionalità e poco chiara identità. Quando lo spettacolo inizia ritroviamo la compagnia dietro le quinte del teatro intenta nelle prove della nuova sceneggiata che andrà in scena di lì a poco.

I tre episodi sono il frutto dell’incontro tra i Posteggiatori tristi e la regista Sara Sole Notarbartolo, che è anche autrice dei testi. Nello spettacolo i Posteggiatori tristi restano fedeli alla reinterpretazione di quei brani del periodo d’oro della canzone napoletana che ha determinato la loro fortuna nei vicoli e nei locali del centro storico. Lo spirito comico che li caratterizza percorre l’intero spettacolo. In un contesto che ricorda quello in cui si muovevano le piccole e poco fortunate compagnie di avanspettacolo nella prima metà del Novecento, la rappresentazione che gli attori si propongono di fare della sceneggiata napoletana diventa un modo per ridere del genere.

L’assurda vicenda di cui sono protagonisti i personaggi in scena costituisce il fil rouge ben costruito e vivace per improbabili colpi scena, tradimenti che suscitano il riso e piacevoli canzoni in cui gli attori – cantanti – musicisti mostrano le loro capacità artistiche. Ad accompagnare Karamazov e la sua compagnia c’è l’Orchestrina della Tundra, ovvero Anne-Laure Carette (fisarmonica) e Ilie Pipica (violino).

 

 

Info e Biglietti

Segui questo autore

Siediti al tavolino ed esprimi la tua opinione

Comments Closed

Comments are closed.

da Avanguardie

10621938_748393688554262_209708506_n
Il neurone libero

Ti piace il Caffè?



Scrivi con noi!