Le vie della spiritualità di George Harrison

Tostato da

my sweet lord

Su George Harrison è stato detto e scritto molto. Di lui si sa praticamente ogni cosa riguardo al rapporto con gli altri Beatles e all’influenza orientale data ai pezzi e agli album del gruppo.

Con il suo nuovo libro George Harrison. My sweet Lord: le vie della spiritualità (acquistabile qui), Sergio d’Alesio va a riscoprire ancora una volta l’anima spirituale di questo personaggio di prim’ordine nella storia musicale del ’900, collocando l’ennesimo tassello di musica dell’anima nella bacheca del mondo CapitanArt.

Non solo Beatles, dunque, ma soprattutto essenza di un percorso spirituale, personale prima che di gruppo, capace di vestire di pop una musica che altrimenti sarebbe destinata ad essere un marginale fenomeno di nicchia.

Emerge quindi tutto il distacco che una pop star come Harrison è riuscita ad avere rispetto ai beni materiali, elevandosi ad un livello superiore e regalando al mondo occidentale una graduale trasposizione dell’Alleluja ebraico-cristiana, che diventa un Hare Krishna induista in maniera naturale e coinvolgendo l’ascoltatore fino a trasportarlo con sé.

Non è dunque un caso che, anche grazie al successo del suo primo album da solista oltre che alla fama beatlesiana, George Harrison sia stato il capostipite di almeno due generazioni di persone in cerca della spiritualità tramite la musica. La ricerca del volto di Dio in ogni cosa, a partire dall’esperienza policroma data dalla musica, riesce dunque a colorare l’individualità, creando una nuova dimensione comune ma allo stesso tempo trascendentale e personale.

Nel disco allegato, In the garden of George Harrison si trovano una serie di suoni della natura, forti di un misticismo magico dagli effetti rilassanti.

Si tratta di un’ennesima perla da non farsi mancare, sia per chi già conosce la storia del quiet beatle, sia per chi vuole scoprire di più su una personalità così magnetica e sfaccettata, seguendo tutte le tappe del suo percorso.

 

Segui questo autore

Siediti al tavolino ed esprimi la tua opinione

Comments Closed

Comments are closed.

Ti piace il Caffè?



Scrivi con noi!