Strage treno rapido 904, mercoledì convegno alla Federico II

Tostato da

Il 19 giugno 2013 alle ore 10:30 presso l’aula Pessina dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, Corso Umberto I, 40, Dipartimento di Giurisprudenza, si terrà un incontro pubblico dal titolo “Il dovere della memoria, La strage sul treno rapido 904”.

Il convegno, organizzato dall’ Associazione Tra i familiari delle vittime della strage sul treno rapido 904 del 23 dicembre 1984, in collaborazione con l’Università degli Studi di Napoli Federico II, il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Napoli, la Camera Penale di Napoli, l’Unione Giovani Penalisti, Pol.i.s Campania, l’Associazione Libera e il Coordinamento campano dei familiari delle vittime innocenti della criminalità, pone l’attenzione sulla necessità di sensibilizzare la popolazione, in particolare quella giovanile, in ordine alla salvaguardia della memoria delle stragi come impegno tramandato dalle generazioni.

“Essendo questo un passaggio generazionale importante – commenta Rosaria Manzo, Presidente dell’Associazione Tra i familiari delle vittime della strage sul treno rapido 904 del 23 dicembre 1984 – ed avendo la realtà svelato risvolti inattesi ma assolutamente prevedibili, nasce l’obbligo di mantenere saldo il ricordo di questi avvenimenti, come strumento per la sensibilizzazione dei giovani ai temi della giustizia e della legalità”.

Tra gli interventi previsti: Prof. Lucio De Giovanni, Direttore del Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Napoli Federico II,  Avv. Francesco Caia, Presidente del Consiglio dell’ Ordine degli avvocati di Napoli, Avv. Domenico Ciruzzi, Presidente Camera Penale di Napoli, Prof. Sergio Moccia, Ordinario di Diritto Penale, Università di Napoli Federico II, Prof.ssa Clelia Iasevoli, Ricercatrice di Diritto Processuale Penale, Università di Napoli Federico II, Dott. Filippo Mazzoni, Ricercatore dell’ Istituto storico della Resistenza e dell’età contemporanea in provincia di Pistoia, Dott. Gianpaolo Iannicelli, Sociologo autore del libro Memoria collettiva, identità e negoziazione sociale del passato, Dott. Enrico Tedesco, Segretario generale fondazione Pol.i.s., Dott. Geppino Fiorenza, Referente regionale di Libera Associazioni, Nomi e Numeri contro le mafie, Avv. Alfredo Avella, Presidente del coordinamento campano dei familiari delle vittime innocenti della criminalità.

Il treno Rapido 904 partì alle ore 12,55 dal binario 11 della Stazione di Napoli C.le, diretto a Milano. Il treno era stracolmo di gente che si spostava per le festività natalizie. Ognuno con la propria storia, i propri pensieri, i propri sogni. Il treno non arrivò a destinazione. Fu fatto saltare in aria da una terrificante deflagrazione alle ore 19.08. Un carico di esplosivo del peso di 12/16 kg. composto da: pentrite, T4, nitroglicerina e tritolo, posto nella nona carrozza di II classe, fu fatta esplodere, con innesco radiocomandato, sotto la Grande Galleria appenninica tra le stazioni di Vernio e San Benedetto Val di Sambro, provocando una strage: 16 morti e 267 feriti.

 

Segui questo autore

Siediti al tavolino ed esprimi la tua opinione

Comments Closed

Comments are closed.

da Avanguardie

10621938_748393688554262_209708506_n
Il neurone libero

Ti piace il Caffè?



Scrivi con noi!