Il vergognoso decalogo diramato dall’Ambasciata americana su come sopravvivere a Napoli

Tostato da

Ok. Tra i tanti problemi di Napoli è inutile nascondere che tra i più eloquenti vi sia quello della sicurezza. Del resto sarebbe da sciocchi negarlo; tanti, troppi sono i casi di rapine finite anche tragicamente ai danni di turisti stranieri. Ma l’atteggiamento dell’Ambasciata americana è ridicolo e in fondo rasenta il razzismo. Del resto in America, quanto a violenza, non sono da meno.

Ne parla un servizio del Tgcom24. Il report diffuso dalla sede diplomatica stila una casistica dettagliata dei furti e non manca di mettere in guardia gli americani da alcune “zone psichedeliche” della città. Un esempio: “Piazza del Gesù è la zona dove si può riscontrare il più alto tasso di alterazione psico-fisiche, soprattutto la notte e la mattina presto – si legge – La combinazione tra l’effetto di alcol, bravate e le differenze culturali provocano spesso incidenti e scontri di minore entità”. Ma la vera chicca è: “Di solito a Napoli nel borseggio ci sono tre complici, uno distrae il turista e gli altri due intervengono per sottrargli gli averi”. E ancora. “Sconsigliato guidare un’auto propria per le strade… se proprio dovete farlo state attenti agli incidenti” e fate attenzione “ai ‘testimoni prefabbricati’, pratica molto comune da queste parti”.

Nessuna risposta, per ora, dal Sindaco de Magistris; ma, conoscendo la sua propensione alla comunicazione, siamo sicuri che non tarderà ad arrivare. I napoletani invece usano la solita ironia. Tanto è l’entusiasmo per questo evento internazionale, per curarsi di soliti e ormai vuoti pregiudizi. Gli americani si gustino invece una manifestazione che avrà uno splendido palcoscenico come quello offerto dalla stupenda via Caracciolo.

AGGIORNAMENTO

AMBASCIATA AMERICANA SMENTISCE

Fonti dell’ambasciata americana a Roma, interpellate dall’ANSA in merito, hanno smentito tale decalogo. In un avviso pubblicato sul sito dell’ambasciata Usa, si rende noto che: “L’America’s Cup rappresenta un’ “ottima opportunità” per Napoli che potrà dimostrare di essere il “luogo adatto ad ospitare importanti eventi internazionali”. Gli Stati Uniti – come ribadito più volte da Donald Moore, console Generale degli Usa a Napoli – vedono di buon occhio che la gara di vela più famosa del mondo si svolga quest’anno nella città partenopea, dalla domenica di Pasqua fino al 15 aprile. Ai connazionali interessati a seguire l’evento sportivo, le autorità a stelle e strisce hanno fatto presente – di non sottovalutare i problemi del traffico napoletano né l’eventuale difficoltà a trovare una sistemazione negli alberghi della città. Questo e nient’altro”.

Segui questo autore

Siediti al tavolino ed esprimi la tua opinione

Comments Closed

Comments are closed.

Ti piace il Caffè?



Scrivi con noi!