Donate un bue e un asinello agli studenti campani

Tostato da

Dopo giornate primaverili, all’insegna di un autunno anomalo, l’inverno è arrivato tutto d’un colpo. Le temperature sono calate bruscamente di 15 gradi, con le minime giunte un po’ ovunque già intorno allo zero. Preludio per un inverno rigidissimo tra i mesi di gennaio e febbraio.

Con l’arrivo del freddo sono iniziati anche gli ormai consuetudinari problemi con i riscaldamenti nelle aule scolastiche. Un problema diffuso in tutte le province campane, anche in quelle dove il freddo è ancor più pungente, come Avellino e Benevento. Molti ragazzi si lamentano per il mancato funzionamento dei riscaldamenti, costretti a tenersi incappucciati anche in classe. Tra un digrignamento dei denti e l’altro seguono con difficoltà le lezioni. Un freddo che non risparmia neanche i più piccoli delle elementari e dell’asilo.

Visto che siamo vicini al Natale, magari un bue e un asinello, oltre che sul presepe, potremmo metterli anche nelle classi per riscaldare gli alunni e gli insegnanti. Sperando che una stella cometa possa guidare un idraulico in ogni classe per far aggiustare i termosifoni.

Segui questo autore

Siediti al tavolino ed esprimi la tua opinione

Comments Closed

Comments are closed.

da Politica

La Buona Scuola
La Buona Scuola?

Ti piace il Caffè?



Scrivi con noi!