“Cletofestival”, il gusto e la musica della Coscienza

Tostato da

Dal 19 al 21 Agosto torna la III edizione del ” Cletofestival “, evento organizzato dall’associazione culturale La Piazza nello splendido borgo medievale di Cleto (Cosenza), con il sostegno di Sitel impianti s.r.l. e Imprecoges. Alle collaborazioni importanti di Libera ed Emergency, quest’anno si aggiunge la partnership del corso di laurea in Scienze della Comunicazione dell’Università Statale dell’ Insubria di Varese, coordinata da Franz Foti.

Il tema di quest’anno è la ” Coscienza “: per Emile M. Cioran ” La coscienza è molto più che la spina, è il pugnale nella carne ” , per Hegel ” Chi ascolta attentamente l’autentica voce del cuore e della coscienza è illuminato dalla sua verità ” . Così per i protagonisti del Cletofestival, gli artisti, i musicisti, gli artigiani ( anche loro artisti nella loro Arte! ) la Coscienza è la capacità di mettere al centro l’agire all’interno del mondo e dell’ambiente che ci circonda in modo sostenibile! La programmazione del Festival è ricca di spettacoli teatrali, esibizioni di artisti di strada, installazioni, visite guidate, in particolare nel bellissimo centro storico! Inoltre trova spazio il progetto ” Musica contro le mafie ” nato con l’intento di sensibilizzare la lotta contro ogni tipo di mafia. Per i buongustai, da segnalare in particolare il giorno 19 agosto, per degustare la ” cialetta “, il tradizionale pane condito con aglio e origano selvatico. Il pane è ottenuto impastando la farina prodotta su terreni confiscati alla ‘ndrangheta e ora gestiti dalla cooperativa Libera di Isola Capo Rizzuto ( Crotone ).

Questa Estate è certamente una delle più calde degli ultimi anni, non dal punto di vista delle temperature, bensì dal punto di vista degli stati d’animo: è stato un inverno ghiacciato, noi italiani ci siamo letteralmente bloccati davanti ai tempi duri che abbiamo dovuto affrontare e che ancora stiamo affrontando. Lo sdegno, l’indignazione, la rabbia, sono aumentati sempre di più, hanno portato al verificarsi di eventi spiacevolissimi, molti anche tragici, basti pensare ai tanti (PURTROPPO) che con la certezza di non riuscire ad andare avanti, perchè sentitesi abbandonati e impotenti di fronte alla difficoltà, sono ricorsi a gesti estremi.

Eppure, sono eventi come questi, nati dalla volontà di tante persone motivate e speranzose, che ricordano l’importanza dello ” stare insieme “, di valori come appunto la ” Coscienza “. Sono queste le armi e allo stesso tempo le corazze con cui possiamo difenderci e combattere per andare avanti. In una fase dove ci si sente abbandonati ed ignorati dalle autorità, l’unica risposta è ripartire dalle piccole realtà, pronti però ad allargarci sempre di più in tutto il nostro Paese, perchè se il motore della macchina si indebolisce, ma tutti gli ingranaggi funzionano, il motore può continuare ad andare e la macchina non si ferma, in tempo per arrivare magari all’officina di fiducia , dove poter farsi rimettere in sesto… E continuare il viaggio!

Segui questo autore

Siediti al tavolino ed esprimi la tua opinione

Comments Closed

Comments are closed.

Ti piace il Caffè?



Scrivi con noi!