Il vento largo

Tostato da

“Il vento largo é un vento che non soffia mai nella stessa direzione e di conseguenza disorienta molto… E’ come il vento della vita che ti sospinge prima da una parte, poi da un’altra…”
                                                                                                                                                                                                       Francesco Biamonti

Giornate intere impiegate a cercare lavoro, inutilmente. Pomeriggi intenti a lavorare duro, con l’ansia del rinnovo del contratto. Notti insonni per far quadrare i conti a fine mese, in attesa di uno stipendio che quand’arriva, già non c’è più. E’ la realtà di tante famiglie italiane, come di tante famiglie europee. La situazione non è diversa o più rosea oltre confine, dicono. Dicono anche che è il prezzo della crisi. Ma il male comune non conforta, e la vita spesso prosegue. Disperata.

Ma se distrattamente guardiamo un telegiornale, o un titolo in prima pagina del quotidiano esposto in edicola ci colpisce, scopriamo che nel frattempo le folle protestano e i poliziotti caricano, che Ungheria e Grecia hanno governi ultranazionalisti, che vengono tratte in arresto organizzazioni neonaziste, che i missili fischiano su Gaza. E’ una storia che si ripete. Ma il riemergere delle destre estreme è un prezzo che no, a questa crisi non vogliamo pagare. Perché il successo delle democrazie moderate ci ha regalato un’Europa in cui credere e settant’anni di pace.

 

Sappiamo che lo spazio politico delle estreme destre è destinato a crescere per effetto della crisi. Non ci stupisce, le conosciamo. Covano sotto le ceneri. Restano in attesa. In attesa del dolore, di una congiuntura poco favorevole. E quando il momento è buono, si affrettano a cercare i colpevoli, e i colpevoli sono sempre i diversi, gli ultimi, gli emarginati. Fanno gruppo, ed escludono dal gruppo; approfittando del dolore, seminano germi malati tra la popolazione. Gridano all’untore, individuano colpevoli. Oppure li creano. Costruiscono un nemico. Promettono: vi salveremo noi, fratelli! La colpa non è vostra. Noi siamo migliori, e la razza, e la patria, e la famiglia. Persino Dio, vi assicuro, è con noi. Gott mitt uns. Le classi più vulnerabili, e più minacciate dalla crisi ci credono. Intravedono un barlume nell’oscurità, si lasciano convincere. Il futuro fa loro meno paura: adesso hanno una speranza. Sono disposte a lasciarsi guidare. D’altronde, la colpa non è loro.

E’ un film già visto. E non crediamo più alle favole dei marciatori, dei picchiatori, degli affabulatori, dei soverchiatori. Perché abbiamo già conosciuto il male assoluto, e la ferocia, e le discriminazioni, e le ineguaglianze, e le epurazioni, e le deportazioni. Perché forse abbiamo imparato che non esiste una guerra che possa essere vinta.

Ma la paura che un incubo possa ripetersi, rimane. Sappiamo che s’inizia piano piano, che anche il più piccolo segnale dev’essere letto come un grido d’allarme. Che anche chi fu vittima può tramutarsi in carnefice, e che in un solo batter di ciglia può annichilirsi il patrimonio morale d’una intera nazione. Sappiamo che chi negò ogni diritto, può oggi chiedere a gran voce pari opportunità. Che chi sterminò gli oppositori soffocando la politica, può oggi avere l’insolenza d’atteggiarsi a movimento politico. Per questo Casapound non deve manifestare a Roma il 24 novembre. Perché – dottor Alemanno – nessuna violenza altrui, finanche quella degli imberbi studentelli con casco e scudo crociato di cartone, visti a prender manganellate ieri l’altro a Roma, può nemmeno per scherzo essere accostata a quello che fu il fascismo.  Cui Casapound più che ispirarsi, visibilmente, aderisce. Perché il fascismo non fu politica. Fu il male assoluto.

Di solito, s’inizia col populismo. Anche se non arriviamo a fine mese, anche a vivere di stenti, non abbassiamo la guardia.

Dietro l’angolo si nascondono rimedi peggiori di ogni male.

Segui questo autore

Siediti al tavolino ed esprimi la tua opinione

Comments Closed

Comments are closed.

da Avanguardie

Tutti_gli_amici_di_Anna_N
Tutti gli amici di Anna

Ti piace il Caffè?



Scrivi con noi!