Caffè Macchiato – Dio è morto

Tostato da

Nella impasse politica che viviamo, tutti i giorni una messe d’autorevoli voci si leva a ricordare che la politica è gioco e mediazione fra le parti, ed è tutto un fiorir d’opinioni che sostengono il primato della prassi sulla teoria, di richiami al pragmatismo, d’appelli al senso di responsabilità. Come se responsabilità fosse solamente l’abbandono dei territori ideali in favore del compromesso; come se fosse una necessità storica ineludibile prendere atto della crisi delle ideologie. Eppure, anche se in pochi sanno in quale direzione c’apprestiamo ad incamminarci, nella scelta tra l’ennesimo inciucio e la fedeltà alle proprie idee, spontaneamente mi sento dalla parte di quello sparuto (ma non tanto) gruppo di giovani cittadini che, con spirito di servizio ed entusiasmo dimenticato, si sono messi al lavoro per il pregio della Nazione, sedendo alla mensa dipendenti. D’altronde, citando Guccini, se Dio è morto, è per tre giorni. Poi, risorge.

Segui questo autore

Siediti al tavolino ed esprimi la tua opinione

Comments Closed

Comments are closed.

Ti piace il Caffè?



Scrivi con noi!