Caffè macchiato – Non fate i sordi

Tostato da

Il discorso di Napolitano ha ricordato la predica forte e costruttiva d’un genitore che vuole scuotere e rinvigorire la prole, in questo caso le forze politiche. Quelle stesse che hanno dato prova di sordità in passato, ricoprendosi di corruzione e lassismo, e che poi l’hanno rieletto con largo suffragio. Con eleganza li ha chiamati inconcludenti e irresponsabili, incapaci persino di eleggere il Capo dello Stato e accusati di non aver cambiato la legge elettorale, una mancanza imperdonabile. Serve adesso una strigliata al M5S per farla finita col palleggio piazza-parlamento: non è la rete che fa la politica, ma lo strumento democratico di impegno e accordo. Nessuna indulgenza, diceva, mentre tutti applaudivano pensando che gli ammonimenti fossero per gli altri, gli oppositori. Eppure, ricorda Napolitano, in Europa non c’è più nessun partito che governa da solo, per cui rimboccatevi le maniche e mettetevi d’accordo.

Segui questo autore

Siediti al tavolino ed esprimi la tua opinione

Comments Closed

Comments are closed.

da Avanguardie

10621938_748393688554262_209708506_n
Il neurone libero

Ti piace il Caffè?



Scrivi con noi!