Femminicidio: varato il decreto legge. Ma il problema resta

Tostato da

E’ stato varato dal governo Letta il decreto legge contro il femminicidio. La notizia risale agli inizi di agosto. Ci eravamo già occupati di questo argomento in occasione dell’approvazione della Convenzione di Istanbul che faceva della violenza contro le donne una violazione dei diritti umani. Il decreto legge prevede l’aggravante nei casi di violenze commesse alla presenza dei minori,  l’obbligo  di arresto e l’allontanamento immediato del colpevole in casi di flagranza di reato. Eppure i casi di morte, violenza e maltrattamenti di vario genere non si sono placati. Proprio a metà agosto una ragazza di Genova è stata sfigurata con l’acido, un caso di morte per mano del fidanzato si è verificato a Verona e poi a Siracusa. La situazione non si argina solo con il carcere. Qui si tratta di un problema culturale che va sanato a partire dalla scuola. Scuola, educazione e formazione sono le parole chiave che, tuttavia, non trovano spazio in politica.

Segui questo autore

Siediti al tavolino ed esprimi la tua opinione

Comments Closed

Comments are closed.