Hasta luego Fidel, la storia ti ha assolto

Tostato da

Ironia della sorte, mentre alla Casa bianca si insedia un Presidente che incarna il capitalismo americano rampante anni ’80 e proprio nel giorno che celebra il consumismo sfrenato chiamato Black Friday, è morto Fidel Castro. Comandante che ha instaurato il comunismo nella piccola isola caraibica di Cuba quasi sessant’anni fa. Fare un bilancio su di lui non è certo cosa facile. Tuttavia, al netto degli aspetti negativi (limitazione delle libertà individuali e persecuzioni varie), bisogna riconoscergli l’aver reso Cuba un Paese all’avanguardia sul campo della Sanità pubblica gratuita, azzerando quasi la mortalità infantile; l’aver azzerato l’analfabetismo a un anno dall’insediamento; l’aver riconosciuto la cittadinanza a migliaia di neri africani; aver reso Cuba un Paese altamente competitivo dal punto di vista dello sport; ha vietato agli Usa e alle famiglie mafiose italo-americane di metterci ancora su le proprie mani fameliche. Di se stesso una volta disse: “Condannatemi, non importa. La storia mi assolverà”. Direi che aveva ragione.

Segui questo autore

Siediti al tavolino ed esprimi la tua opinione

Comments Closed

Comments are closed.

Ti piace il Caffè?



Scrivi con noi!