“Quanta gente giovane va via, a cercare più di quel che ha…”

Tostato da

Si parla tanto di “cervelli in fuga”… ma in fuga da cosa? Si tratta solo dell’impossibilità di trovare un lavoro che consenta di avere soddisfazioni economiche? Non c’è forse qualcosa di più profondo a spingere le persone lontano dai propri affetti? Io credo di sì…

Vedrei la fuga come riscatto da una realtà dura, che proprio malgrado ci si è ritrovati a dover subire.
179862_188113314540172_169858739698963_657487_1058075_nNon si può vivere per sempre nel mondo ovattato creato da genitori amorevoli che, al di là di tutti gli errori che hanno potuto commettere, erano mossi nel loro agire dall’esigenza profonda di soddisfare un bisogno di protezione appartenente a loro e proiettato sulle creature che hanno messo al mondo.

C’è del bene anche in quei genitori che spingono i figli in strada perché imparino a vivere, perché si facciano le ossa; come biasimarli, se la ragione per cui lo fanno è quella di dare ai loro bambini la possibilità di conoscere il mondo? Non è mica colpa loro, se il mondo esistente al di fuori delle mura di casa è cattivo! E non è colpa loro neanche se i figli, una volta cresciuti, vogliono fuggire da una realtà crudele.
bimbo via

Quando un cervello fugge, spesso lo fa per portar via un cuore che di certe cose non ne può proprio più.

…dove l’aria è popolare
è più facile sognare che guardare in faccia la realtà.
Quanta gente giovane va via, a cercare più di quel che ha
forse perché i pugni presi a nessuno li ha mai resi
e dentro fanno male ancor di più.
(E. Ramazzotti)

E di “pugni” se ne prendono, quando quotidianamente ci si ritrova in ambienti permeati da una mentalità in cui va avanti chi riesce ad affermare se stesso attraverso la mortificazione dell’altro.

Ma quello non è il proprio modo di fare e allora, con la consapevolezza dell’impossibilità di cambiare il resto del mondo (di quel mondo), si va via, sperando che altrove le cose funzionino diversamente e che le leggi che regolano i rapporti umani non siano quelle della giungla urbana ma quelle che, per natura, dovrebbero essere impresse nello spirito umano.

Segui questo autore

Siediti al tavolino ed esprimi la tua opinione

Comments Closed

Comments are closed.

da Avanguardie

10621938_748393688554262_209708506_n
Il neurone libero

Ti piace il Caffè?



Scrivi con noi!